5G cos’è e cosa comporta

Sempre più spesso sentiamo parlare di 5G e della rivoluzione che seguirà la sua installazione.

Spesso è stato anche erroneamente accomunato alla diffusione del coronavirus o alla possibilità che esso provochi problemi di salute; d’altro canto viene idolatrata come soluzione a molti problemi presenti nel nostro paese.

Facciamo quindi un po’ di chiarezza per capire cos’è il 5G e quali saranno le conseguenze alla sua diffusione.

COS’È IL 5G

Con il termine 5G (acronimo di 5th Generation) si intende l’innovativa tecnologia di connessione mobile che prenderà il posto dell’attuale 4G che seguì i precedenti 2G e 3G e che permetterà di migliorare in maniera esponenziale la velocità di connessione.

L’avvento dell’attuale pandemia ha messo in evidenza ancora prima e ancor più di prima, la necessità per il nostro paese di dotarsi di infrastrutture adeguate al buon funzionamento del settore delle connessioni.

La connessione ha permesso durante l’emergenza di utilizzare lo smart working nelle imprese e nelle amministrazioni, la didattica a distanza nelle scuole e nelle università, l’uso delle piattaforme per restare vicini a parenti e amici e l’accesso allo streaming tv per l’intrattenimento.

In futuro si prospetta inoltre preponderante il ricorso a dispositivi IOT (internet of things) –  trattato nel precedente articolo “ l’IOT (internet of thing) nelle nostre vite” – e “massive IOT” ovvero tutto ciò che sottende lo sviluppo della smart city, la digitalizzazione delle infrastrutture stradali, guida autonoma e smart home.

Ecco perché è così importante che il nostro paese continui ad essere al passo con i tempi potendo contare sul 5G, che per ora è ancora un prototipo e disponibile solo in alcune città.

COME FUNZIONA?

Nonostante, per semplificare, si dica che il 5G sia l’evoluzione del 4G, in realtà non è proprio così, in quanto il 5g ha caratteristiche tecniche completamente differenti. L’intera gestione è diversa a partire dalle frequenze di utilizzo, alla copertura, dalle antenne fino alle tecniche di trasmissione dei dati.

Dal punto di vista tecnico, le potenzialità del 5G riguardano non solo il miglioramento della velocità ma anche la possibilità di gestire più connessioni contemporaneamente e la possibilità di dedicare parti di rete a servizi ben precisi.

Per capire il funzionamento vi porto qualche esempio proposto da Altroconsumo:

“Per quanto riguarda la velocità, potenzialmente il 5G può arrivare fino a 10 Gigabit per secondo. La prospettiva più accreditata ipotizza però una velocità 10 volte più elevata rispetto al 4G. Se quindi, per fare un esempio, consideriamo di passare dai 25 megabit al secondo del 4G ai 250 megabit al secondo del 5G, si potrebbe scaricare un cd audio (700 megabyte) in una ventina di secondi, contro gli attuali 4 minuti.”

La velocità di connessione la riscontriamo in modo prioritario per quanto riguarda la latenza, ovvero la risposta al comando da parte del device.

Questa velocità se può sembrare insignificante per l’apertura di una pagina da parte di un browser, può risultare invece molto importante se la contestualizziamo nella risposta al comando di frenata sulle automobili.

“Questo tempo di risposta scenderà a 1-10 millisecondi, circa 10 volte meno degli attuali 50-100 millisecondi del 4G e questo è uno degli aspetti considerati più importanti per i nuovi servizi digitali che si pensa di sviluppare.”

SVANTAGGI DEL 5G

Il 5g porterà con sé anche degli svantaggi oltre ai molti vantaggi.

La possibilità di connessioni potenti condurrà all’aumento delle stesse connessioni nonché la condivisione di contenuti molto pesanti e, quindi, alla necessità di avere più gigabyte a disposizione.

“Se ora la rete 4G può gestire da 1.000 a 100.000 dispositivi connessi per km², con le reti 5G si arriverà a gestirne contemporaneamente oltre un milione.”

Inoltre con l’avvento del 5G potremmo considerare prematuramente i nostri dispositivi obsoleti e correre all’acquisto di uno nuovo. Questa percezione viene definita tecnicamente obsolescenza psicologica.

Un altro aspetto potrà riguardare tariffe e prezzi dei dispositivi compatibili con il 5G che ad oggi hanno ancora prezzi abbastanza elevati.

5G E SALUTE

Un aspetto che ha allarmato molte persone è invece quello che riguarda la salute e i problemi che il 5G potrebbe generare. Al momento non ci sono dati che permettono di confermare che questa nuova tecnologia abbia effetti dannosi sulla salute, così come non li avevamo al tempo della diffusione dei 2G o 3G.

Un aspetto positivo è che possiamo però affermare che le preoccupazioni legati alle onde elettromagnetiche che si verranno a creare, sono al quanto infondate in quanto nonostante la rete 5G, possieda un sistema di organizzazione in celle più articolato e complesso rispetto a quello attuale, utilizza un segnale di potenza inferiore, che riduce il rischio di danni in caso di esposizione eccessiva alla rete.

CONCLUSIONI

Insomma i vantaggi e benefici che si trarranno da questa nuova tecnologia sono veramente molti non solo per quanto riguarda il singolo individuo ma soprattutto per la società, per il miglioramento dello stile di vita e per il progresso.

“Di fronte a questi traguardi, il Paese non può permettersi di rimanere indietro, in balia di pregiudizi immotivati, esitazioni conservatrici o inammissibili resistenze burocratiche.”