Cosa è Metaverso: Mondo virtuale o teletrasporto?

In realtà tutti e due!

Anche se, abbiamo già parlato di questo argomento qualche articolo fa, adesso che possiamo “toccarlo con mano”, potremmo capirci sicuramente qualcosa in più.

In primo luogo, vi riportiamo la descrizione di Zuckerberg: “il successore dell’internet mobile: un set di spazi digitali interconnessi che ti lascia fare cose che non puoi fare nel mondo fisico”. Secondo il Newyorkese, infatti, “la prossima piattaforma sarà ancora più immersiva. Come un internet incarnato dove sei nell’esperienza, non la stai solo guardando”.  E sarà differenzierà da: “una sensazione di presenza, come se fossi proprio lì con un’altra persona o in un altro posto”. In altre parole: Sarà una vera e propria rivoluzione del nostro vivere quotidiano!

“Potrai teletrasportarti istantaneamente come un ologramma per essere in ufficio o ad un concerto con gli amici”.

Inoltre, “potrai spendere più tempo su quello che ti interessa, risparmiare il tempo nel traffico, ridurre la tua impronta ecologica. Pensa ad esempio a quante cose hai oggi che potrebbero essere semplicemente ologrammi in futuro. La tua tv, la tua postazione di lavoro perfetta con schermi multipli, i tuoi giochi da tavolo ecc.

Invece di cose fisiche prodotte in fabbrica, ci saranno ologrammi progettati da creatori in tutto il mondo”.

Possiamo definire quindi il Metaverso come un mondo di infinite comunità virtuali interconnesse.

Secondo Victoria Petrock, analista di Insider Intelligence, esperta di tecnologie emergenti, con Meta si potrà svolgere una vera vita online. Come ad esempio fare shopping o accedere ad un social media.

È la prossima evoluzione della connettività in cui tutte le attività iniziano a riunirsi in un universo senza soluzione di continuità né alter ego”. Spiega Petrock: “Nel quale vivi la tua vita virtuale nello stesso modo in cui stai vivendo la tua vita fisica.

In breve: si potrà seguire un concerto virtuale, viaggiare online, visualizzare o creare opere e acquistare abbigliamento “digitale”.

Ma il grande cambiamento è quello del lavoro da casa. Il Metaverso, infatti, potrebbe rendere permanente questa modalità di lavoro creando uffici virtuali.

Tuttavia gli uffici virtuali sono “immuni “all’aumento e alla diminuzione dei casi di COVID-19. E non è necessario verificare il Green Pass. Potrebbe essere, quindi la nuova frontiera del lavoro? Lo scopriremo col passare del tempo!

D’altra parte è’ stato previsto che il Metaverso raggiungerà un miliardo di persone nei prossimi dieci anni.

E citando il Ceo Satya Nadella: “Il metaverso è qui e non sta solo trasformando il modo in cui vediamo il mondo. Ma anche il modo in cui vi partecipiamo, dalla fabbrica alla sala riunioni”

Non è però solo Facebook a puntare su questa nuova realtà virtuale, che si può considerare come un vero e proprio mondo parallelo. Ma anche altre aziende stanno investendo e facendo ricerche in questo ambito. Qui si stanno sviluppando sempre più anche le Criptovalute, quindi Bitcoin ma anche altre come Ethereum, utilizzata ad esempio da Sandbox (Wikipedia )

In conclusione, non ci resta che accedere, seppur solo per curiosità, a questo “mondo parallelo”.

Se per farlo hai bisogno dispositivo adatto dai uno sguardo alle nostre ultime offerte su:  www.renovo.store